ART IS NOT A CRIME: Alessio-B e la Street Art a Padova.

bambino seduto raffigurato mentre guarda un cuore

Alessio-B e l’anima pulsante della Street Art a Padova.

 “I graffiti non sono vandalismo”

E’ una delle frasi care ad Alessio-B, artista padovano, molto amato e richiesto anche all’estero, che ha voluto omaggiare la sua città con opere e performances che l’hanno impreziosita di autentici capolavori di street art.

bambina raffigurati mentre è intenta a disegnare un cuore

Le sue opere non urlano, non disturbano, si esprimono con un linguaggio diretto e raccontano di futuro, innocenza e speranza. Tra i suoi soggetti prediletti ci sono i bambini, raffigurati mentre sono intenti a disegnare cuori o scrivere parole semplici ma di grande impatto. “Love”, “peace”, “beauty”, “4ever” e poi c’è lei, la sua icona preferita, la Monna Lisa che posa enigmatica in smoking, con le mani in tasca e le gambe incrociate.

Da buon writer, Alessio-B è un artista poco incline alla mondanità e ama poco parlare di sé. Sappiamo che è nato nel 1971 e che è padre di due bambini che spesso sono la sua fonte d’ispirazione.

Nel suo percorso di studi, durante il quale ha frequentato l’illustre Emilio Vedova, è rimasto indelebilmente affascinato dalla Pop-Art e dai decollagisti che hanno costituito la prima impronta del suo cammino di sperimentazione.

Le sue opere nascono da lunghi lavori in studio di preparazione degli stencils che vanno poi a decorare i muri della città. Quasi rigorosamente di notte, perché per Alessio-B la città, a quell’ora, ha tutto un altro sapore.

bambino raffigurato mentre è intento a scrivere parole semplici ma di grande impatto

L’artista cerca, attraverso le sue perfomances, di sensibilizzare le persone nei confronti della street art, che spesso viene condannata come atto di vandalismo e deturpazione.

Nell’aprile 2014 ha ideato l’evento “Free Art on the Loose”.

Una vera e propria caccia al tesoro, durante la quale ha disseminato per la città 10 opere, che sono diventate di proprietà di chi le ha trovate.

Recentemente, nell’aprile 2017, ha lanciato il contest #padovastreetartmarathon. L’artista, in occasione della Maratona di Padova, ha collocato in diversi punti strategici della città otto opere realizzate su pannelli osb e sostenute da strutture in ferro. Contestualmente ha invitato le persone a fotografarsi assieme ad esse. Postando la foto su facebook utilizzando il tag @padovamarathon e l’hastag #padovastreetartmarathon ha invitato gli amici a mettere like. L’autore che ha raggiunto il maggior numero di likes si è poi aggiudicato un’opera su tela dell’artista.

la Monna Lisa che posa enigmatica in smoking, con le mani in tasca e le gambe incrociate.

Queste iniziative hanno contribuito a far conoscere ed apprezzare ai cittadini padovani e non solo la street art.

Sono nate, online, delle vere e proprie mappe nelle quali vengono segnalate le posizioni delle opere di Alessio-B e dei suoi “noti colleghi”.

Questi ultimi, tra cui spicca il nome di Kenny Random, stanno trasformando Padova in una città museo a cielo aperto, in continua evoluzione. La street art, infatti, è un’arte dalla natura effimera e mutevole. Destinata spesso ad essere cancellata, modificata o sostituita, mantenendo sempre viva e pulsante l’anima poetica, creativa e un po’ ribelle della città.

“il Progresso online”

Melania Vicil
Melania Vicil

Melania Vicil nasce nel 1984 a Venezia. Frequenta il Liceo Classico, durante il quale si appassiona alla storia dell'arte. Prosegue gli studi presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, dove consegue la laurea triennale in Conservazione dei Beni Culturali e successivamente la laurea magistrale in Storia delle Arti e Conservazione dei Beni Artistici. Appassionatasi anche all'arte fotografica, si dedica alla fotografia nel tempo libero.

1 Commento