Sul Lago del Bosco | Giorgio Galli – Il Progresso.

Opera di Giorgio Galli
View Gallery
8 Photos
opera di Giorgio Galli
Sul Lago del Bosco | Giorgio Galli – Il Progresso.
Giorgio-Galli-opera-1_mini

Le acque del Lago si aprono alla Luna cm. 140 x 180.

Source: Le acque del Lago si aprono alla Luna - cm. 140 x 180.
opera di Giorgio Galli
Sul Lago del Bosco | Giorgio Galli – Il Progresso.
Giorgio-Galli-opera-2_mini

All'improvviso non esiste più - cm. 120 x 90

Source: All'improvviso non esiste più - cm. 120 x 90
opera di Giorgio Galli
Sul Lago del Bosco | Giorgio Galli – Il Progresso.
Giorgio-Galli-opera-3_mini

Luce sovrannaturale sull'acqua del Lago - cm. 140 x 180.

Source: Luce sovrannaturale sull'acqua del Lago - cm. 140 x 180.
opera di Giorgio Galli
Sul Lago del Bosco | Giorgio Galli – Il Progresso.
Giorgio-Galli-opera-4_mini

Chiarore subacqueo che deforma - cm. 140 x 180.

Source: Chiarore subacqueo che deforma - cm. 140 x 180.
opera di Giorgio Galli
Sul Lago del Bosco | Giorgio Galli – Il Progresso.
Giorgio-Galli-opera-5_mini

Quando il segreto è più del rivelato - cm. 140 x 180.

Source: Quando il segreto è più del rivelato - cm. 140 x 180.
Opera di Giorgio Galli
Sul Lago del Bosco | Giorgio Galli – Il Progresso.
Giorgio-Galli-opera-6_mini

Nel bosco di Diana fioriscono rose selvatiche impregnate di miele - cm. 140 x 180.

Source: Nel bosco di Diana fioriscono rose selvatiche impregnate di miele - cm. 140 x 180.
Opera di Giorgio Galli
Sul Lago del Bosco | Giorgio Galli – Il Progresso.
Giorgio-Galli-opera-7_mini

Frenetica danza di Cielo e di Luna sull'acqua del Lago - cm. 140 x 180.

Source: Frenetica danza di Cielo e di Luna sull'acqua del Lago - cm. 140 x 180.
Opera di Giorgio Galli
Sul Lago del Bosco | Giorgio Galli – Il Progresso.
Giorgio-Galli-opera 8_mini

Sterpaglie e fiori avvizziti sul Lago... oggi - cm. 140 x 180.

Source: Sterpaglie e fiori avvizziti sul Lago... oggi - cm. 140 x 180.

GIORGIO GALLI.

L’indagine squisitamente pittorica dell’artista Giorgio Galli s’insinua tra le spire della sperimentazione anticipata da J. B. Camille Corot, artista tra i più sensibili e paesaggista tra i più celebrati dell’Ottocento.

L’empatia stabilita dal pittore Giorgio Galli con l’artista C. Corot è cifra di un attento lavoro analitico su opere, scritti storici e luoghi, di cui s’appassiona traendo l’incipit del suo nuovo lavoro.

Scelta desueta e audace per l’artista, misura di una consapevolezza capace di spostare il suo baricentro lungo la linea del tempo, smania di inedite esigenze. E abbandona, seppur momentaneamente, la peculiarità della ricerca fin qui operata, dominata ampiamente da contenuti politici e sociali, focus di un impegno vissuto in primis sulla propria pelle.

La muta artistica di Giorgio Galli è compenetrata da riverberi di memoria storica quando gli artisti dei Gran Tour sceglievano le più importanti città italiane per i loro studi.

J.B. CAMILLE COROT SCELSE COME META PRIVILEGIATA ROMA E LA NATURA SELVAGGIA ATTORNO ALLA CITTÀ.

Di quella natura incontaminata travolgente fu l’ammirazione per l’antico Nemus, (Bosco) lì dove il tempio alla dea Dianae Nemorensis sorgeva e l’antico culto si consumava sulle sponde delle acque del Lago; e per la medievale Genzano sorta da Fundus Gentiani, sdraiata sul cratere del Lago sulla sponda opposta.

Sono questi i luoghi pregni di memorie, polmone d’ispirazione di musicisti, artisti, letterati, uomini di cultura da cui attingere maggiormente tra il XVIII e XIX sec.

Tra i molti: J. W. Goethe, K.F. Schinkel, J.M.W. Turner, J.B.C. Corot, J. Keats, H. C. Andersen, H. de Valenciennes, J. R. Cozens, S. Birmann, J. A. Knip, Franz Liszt, A. L. Richter, A. Giroux, C. J. Vernet, T. Cole, F. Rehberg, H. Voogd, F. Gregorovius, J. Hakewill, M. H. Beyle, A. Feuerbach, J. Severn, R. Voss, N. V. Gogol, ed altri ancora…

Ed è proprio su questa meta scelta da Corot, e le opere suscitate in quel periodo, che si concentra la ricerca di Galli.

Infatti, la vita artistica del pittore francese viene divisa in due periodi: quella di paesaggista legato ai dettami accademici d’impostazione classica, composto e ordinato; e quella di pittore dall’animo ribelle, anticonvenzionale che sperimenta, dove le vedute si liberano audacemente e sale l’intuizione di dipingere en plein air per cogliere la luce, anticipando quel processo creativo filosofia di tutta la pittura impressionista, capace persino di arrivare ad influenzare alcuni protagonisti dell’avanguardia storica: Fauves e Cubisti.

PIONIERE RIVOLUZIONARIO.

opera di Giorgio Galli
Le acque del Lago si aprono alla Luna – cm. 140 x 180.

Come il francese Corot, anche Giorgio Galli è un pioniere rivoluzionario, votato e intento a cercare la pittura aderente a quell’istante e alla sua visione della realtà riflessa nell’acqua del Lago; quasi volesse proteggerla intatta con le suggestive atmosfere di un momento colto o irrimediabilmente smarrito per sempre, intenso dialogo introspettivo colmo di raffinato estro.

Del resto, la pittura di Corot riesce a rapire colui che colmo d’inquietudine possiede l’animo e nomade lo spirito, il critico d’arte e filosofo Charles Baudelaire, che nel libro “Les Fleurs du mal” descrive la possibilità di estrarre la bellezza dal male “extraire la beauté du Mal” perfettamente in linea col sentimento poetico di quegli anni seppur ritenuto provocatorio.

E tra gli ammiratori l’impressionista Claude Monet il quale afferma:

“noi non abbiamo inventato nulla, tutto è nato da Corot”.

È da queste premesse che s’innesta l’esplorazione dell’artista Galli, bypassando i tratti di Corot accademico per giungere dritto all’autentica natura interiore liberata, trovando affascinanti affinità più che espressive forse caratteriali, nell’irruente vivacità e nella vena meditava.

IL COROT DI GIORGIO GALLI.

Il Corot di Galli trae ispirazione dal primo soggiorno in Italia, avvenuto fra il 1825 e il 1828 quando preferisce, alle vedute di Roma, la campagna romana inondata di vividi colori nell’armonia dell’essenza: “la calda luce mediterranea”.

Focus dei suoi paesaggi, ancora prima di aderire alla Scuola di Barbizon e di soggiornare presso la Foresta di Fontainebleau.

Il sofisticato balzo nel passato che l’artista Galli compie è una scelta coraggiosa, soprattutto nell’attuale quadro dell’arte contemporanea, e risuona della fierezza dell’essere libero, come conquista intima teorizzata dalla moderna filosofia di Nietzsche.

opera di Giorgio Galli
Quando il segreto è più del rivelato – cm. 140 x 180.

Sensibilità priva di clichè, smania incontenibile di cambiare forma e contenuti, mosso dai silenti sentieri interiori ed esteriori, anch’essi riflessi nel piccolo e profondo specchio lacustre che ne conserva intatta la bellezza, i miti e le leggende. Andando financo oltre quello stesso processo creativo che sedusse l’animo di Corot, azzardando intensi squarci di pigmento puro, ricco e deciso, come l’urlo di una voce struggente che frusta le fronde agitate.

E, come i diversi moti dell’animo, si coglie un Giorgio Galli altresì ingentilito, aggraziato, autore esperto di una narrazione che avvolge di olfattive fragranze, coi boccioli color miele dipinti prematuri in procinto di schiudersi ai primi caldi lampi di luce.

Cosicché nella varietà di essenze vegetali e di flora spontanea, riflesse nelle trasparenze dell’acqua, in superficie si aprono cerchi concentrici prossimi a scandire il tempo, mossi e cadenzati, segnale intrinseco d’illusoria e apparente fissità del vulcanico Lago, evocatore cangiante di millenarie lune piene e cieli azzurri ritagliati dal cratere.

E nella rivoluzione estetica di Galli/Corot il distillato pittorico assume carattere significante, descrivendo un intenso e complesso lavoro mirato a quel tempo, ma attualizzato attraverso l’eloquenza della composizione, sostenuta dalla sensibile conoscenza tecnica, ricca e ricercata, in cui all’impiego di varietà materiche, di cui l’artista Galli è esperto, si somma la conoscenza accademica di tradizionali discipline pittoriche, le stesse utilizzate da J. B. Camille Corot.

E il titolo coglie e suggella il valore dell’elegante esplorazione: Sul Lago del Bosco.


Sul Lago del Bosco | Giorgio Galli
A cura di I. Bergantini e G. Marziani
Romberg Contemporary Art Gallery
Viale Le Corbusier 39 – Lt
Opening 6 October.


Se ti è piaciuto l’articolo condividilo, e iscriviti al Servizio di Notifica, spuntando sulla sezione “Arte & Cultura”. Potrai ricevere così la notifica in tempo reale. Oppure lascia un commento!

il Progresso online”.

Leggi anche: Stefano Trappolini: dall’Informale all’Infinito.

Mariaimma Gozzi
Mariaimma Gozzi

Mariaimma Gozzi è un critico d'arte di raffinato senso estetico. Elegante ed estroverso il linguaggio che la contraddistingue nell'indagine concentrata sul mondo dell'Arte Contemporanea. Eclettica e sensibile vive a stretto contatto con gli artisti nei loro studi in modo da conoscere sin dalla fase embrionale il processo creativo che risiede nell'opera d'arte. Autrice di articoli, testi critici, interviste per la Rivisita d'Arte, Cultura e Scienza EQUIPèCO; fra questi: Dino Valls, Alessandrojacopo Boncompagni Ludovisi Altemps, Silvia Caldironi Pansera moglie dell'artista Malek, Michele Ainis, Claudio Marini, Marta Czok, Kristien De Neve, Vincenzo Pennacchi, Teresa Marasca, Sebastiano Guerrera e altre personalità di spicco nel mondo dell'arte. Inizialmente intraprende una carriera votata all’architettura, in cui determinate è la vicinanza allo zio - l' ingegnere Barnaba Gozzi - edificante modello di professionalità, già Cavaliere del Lavoro. La personalità ecclettica la conduce a viaggiare per lavoro e a frequentare l'ambiente culturale europeo del teatro, della letteratura, della musica e dell'arte sviluppando proprio verso quest'ultima una passione esclusiva. Preziosa è la formazione all’Accademia Belle Arti di Roma; allieva di docenti protagonisti dell’arte del ‘900: Maria Teresa Benedetti, Giovanna Dalla Chiesa, Armando Nobili, Francesco Cosentino. E più avanti nel tempo emerge irruente la passione in particolare per la Storia dell’Arte, approfondisce gli studi frequentando la facoltà di Storia dell’Arte all’Ateneo di Tor Vergata, conseguendo la Laurea Magistrale. Allieva di docenti protagonisti dell’arte del XXI sec.: Barbara Agosti, Maria Beltramini, Simonetta Prosperi Valenti, Franco Gallo; Attualmente vive a Roma, cura mostre per gallerie in Italia e all’Estero; Docente di Storia dell’Arte; Scrive per la Rivisita d'Arte, Cultura e Scienza EQUIPèCO di cui cura la rubrica delle interviste. Formazione : Università Tor Vergata, Roma - Laurea Magistrale di Storia dell’Arte Accademia Belle Arti di Roma - Laurea di Scenografia Contatti : e-mail : gozzimariaimma@libero.it Sito Uff. : www.mariaimmagozzi.it

No Comments Yet

Comments are closed