Si viaggiare! Il potere del viaggio sulla nostra mente.

viaggiare

Il potere del viaggio…

Si viaggiare!

“Quando si è tristi i viaggi dovrebbe passarli la mutua”.

Potrebbe sembrare una frase banale e stupida, ma se ci pensate bene, non ha poi tutti i torti.

Diversi studi infatti, hanno dimostrato come il viaggiare abbia notevoli benefici, soprattutto da un punto di vista psicofisico in quanto vi è una notevole riduzione dello stress.

Un viaggio dovrebbe essere rilassante, divertente, volto alla scoperta costante di posti nuovi, con occhi e mente spalancata come fossimo bambini. Ma, ahimè oggi non è così per tutti.

Si viaggiare!

si viaggiare

Oggi la nostra vacanza è perennemente in vetrina su tutti i social network, pronta ad essere esposta come i migliori vestiti della nuova collezione.

Viviamo in un mondo che corre troppo veloce, un mondo liquido dove ormai nessuno ha più tempo per nulla, neppure di meravigliarsi, inorridirsi, commuoversi ed innamorarsi ma soprattutto staccare la spina per restare un po con sé stessi. Come se spegnere il cellulare o internet sia una tortura.

Eppure, potreste meravigliarvi di quanta bellezza c’è nel mondo, nelle cose, nelle persone e negli occhi di chi si incontra.

Viaggiare ci aiuta a crescere e a superare i nostri limiti. Vivere in un posto x, soli o in compagnia, significa avere interazione con la gente del posto! Anche semplicemente per prendere un caffè o chiedere informazioni.

È per questo che viaggiare ci rende anche più creativi. Il nostro cervello è infatti un organo altamente sensibile al cambiamento e capace di adattarsi a situazioni nuove.

la forza del viaggio

Pertanto, l’esperienza del viaggio è un’incredibile palestra per il nostro cervello, propenso ad adattarsi rapidamente alla lingua e ai costumi del paese che visitiamo.

Viaggiare apre la mente.

Viaggiando quindi, non solo ampliamo la nostra visione del mondo e cioè letteralmente “apriamo la mente”, ma in un certo senso ci rende felici.

Prendere un aereo, un autobus, un treno per la destinazione prescelta ha un effetto benefico sul nostro corpo e soprattutto sulla nostra mente. Fateci caso! Appena saliti a bordo la nostra mente è già arrivata a destinazione.

Si svuota completamente da quello che prima erano i problemi, cattivi pensieri, preoccupazioni, e per un breve periodo di tempo (quello della vacanza), la mente è libera, felice e senza pensieri.

A volte tali benefici durano anche più. Il ritorno, con i ricordi di quei giorni passati, ci fanno vivere ancora con il sorriso sulle labbra, altre volte invece sono proprio quei ricordi a rattristarci.

Un velo di nostalgia che scende sui nostri occhi, sulla nostra mente, ma che comunque vi ha cambiato, arricchito, e perché no, vi ha fatto crescere.

Si perché le persone che partono per una vacanza non sono le stesse che vi tornano.

Viaggiare viene spesso paragonato ad un sogno, a volte ricordi il contenuto altre volte no L’emozione di un viaggio è tutto lì scritto nella memoria, pronto ad emozionare e a rendere felice la tua giornata ogni qualvolta viene ricordata.

Perché in fondo, se la vita è un viaggio, viaggiare è vivere due volte.

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo, ed iscriviti al Servizio di Notifica. Potrai ricevere così la notifica in tempo reale. Oppure lascia un commento!

il Progresso online”.

Leggi anche:Città globali: tra inclusione ed esclusione.

 

Mariacostantina Mormando

LAUREATA IN ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI TURISTICI, CLASSE 1986, PRESIDENTE NUOVA ASSOCIAZIONE PRO LOCO BICCARI (FG). PUGLIESE DOC, COPYWRITER, VIAGGIATRICE E SCRITTRICE (viaggiosola.it). APPASSIONATA DI POLITICA E DI POLITICHE EUROPEE.

No Comments Yet

Comments are closed