Art Market Globale | Primo Semestre 2020

Magritte

Art Market Globale

bandiere a… mezz’asta nel Primo Semestre 2020

Nonostante l’enorme aumento delle aste online registrato nel 2020 dalle tre “Majors” occidentali (Christie’s, Sotheby’s e Phillips), l’attuale problema delle case d’asta che si ripete, peggiorato a causa del blocco da Covid-19, una tendenza già registrata nell’anno precedente è il terribile calo delle entrate.

Dopo un 2019 che si era chiuso, per il mercato globale delle aste d’arte, con un -17% rispetto al 2018, il primo trimestre del 2020 ha registrato un vero crollo del fatturato delle principali case d’asta. Le vendite totali di Christie’s, Sotheby’s e Phillips, da gennaio a marzo, sono infatti diminuite del 40%, passando da 1,4 miliardi di dollari nello stesso periodo del 2019 a 800 milioni quest’anno.

Si è giunti nel 2020 al più basso livello dal 2007


L’arrivo del Covid-19 ha sicuramente contribuito a minare la fiducia nel mercato tra i collezionisti, ma il calo delle entrate non può essere attribuito solo alla chiusura delle aste in Europa e negli Stati Uniti perché in realtà stava già avvenendo prima di metà marzo.

Le aste online non sono attualmente in grado di competere con aste dal vivo. A maggio, si è visto che tutte le aste di Christie’s, Sotheby’s e Phillips erano solo online, nonostante un aumento medio del fatturato delle stesse aste online, rispetto a prima, del 100% (da 1 a 2 milioni), i ricavi sono stati di soli 82 milioni di dollari contro 2,8 miliardi nello stesso mese dell’anno precedente.

Si può ragionevolmente stimare che le vendite private promosse dalle case d’aste abbiano migliorato la situazione generale del fatturato, ma si tratta certamente di numeri minimi rispetto alla situazione dell’anno precedente. Negli ultimi periodi del secondo trimestre del 2020 le aste online hanno rappresentato quasi la metà degli eventi, ma solo poco più del 5% del fatturato, il che evidenzia il fatto che il problema di sostituire le aste dal vivo con aste online non si rivela attualmente un soluzione del problema.

Da qui il disperato bisogno dei tre “Majors” di tornare alle aste tradizionali o almeno ibride, come quelle di Sotheby’s alla fine di giugno e quelle di Christie’s (in particolare “One”) all’inizio di luglio (che hanno ciascuna fatturato di circa 400 milioni) e quelli di Phillips (con il 100% dei lotti venduti nella vendita serale, realizzata sui 50 milioni), i cui 3 o 4 lotti principali (spesso garantiti da terzi o dalle stesse case d’asta) che si sono comportati bene, come il Trittico di Bacon di Sotheby’s a 84 milioni e l’Arc de Triomphe di Magritte (nell’immagine) a oltre 20 milioni di Christie’s, che rappresenta da solo circa la metà del fatturato dell’asta.

D’altra parte, attualmente, l’1% dei migliori artisti trattati nell’asta (coloro che realizzano oltre 1 milione per lotto) crea metà del fatturato globale. Solo Monet e Picasso generano oltre il 15% del fatturato rispettivamente di Impressionismo e Moderno e dei ventunesimi artisti del dopoguerra il 40% delle vendite totali del settore (anche il 60% in Impressionismo e Moderno).

Sempre più spesso, per mettere in evidenza impressionanti fatturati, le case d’asta fanno aste che vanno dall’impressionismo al contemporaneo ed è chiaro che i vari dipartimenti saranno sempre più uniti l’uno all’altro, ovviamente riducendo posti di lavoro e costi.

Leggi anche: MARIKA RICCHI | Gestus pedum

Avatar
Paolo Turati

Economista, imprenditore, professore a contratto e referente di Corso di "Economia degli investimenti" alla Scuola di Studi Superiori dell'università di Torino dove è Laureato presso la Facolotà di Economia e Commercio. Saggista, scrittore, editorialista e giornalista pubblicista, art market advisor e consulente in materia di Mercati finanziari internazionali; curatore artistico, presidente di enti culturali e consigliere di amministrazione di associazioni di consumatori e di business social networking. CENNI BIOGRAFICI E PROFESSIONALI SU PAOLO TURATI Laureato in Economia e Commercio, l’Economista ed imprenditore torinese Paolo Turati, classe 1958, sposato con due figli, già Procuratore generale di Agente di Cambio, è stato per anni Commissionario in titoli e valori di Borsa e ha nel corso del tempo ricoperto ruoli apicali nei Consigli di amministrazione di varie Società di Capitale operanti nel settore finanziario( Cogerim Srl, Miras Spa, Manitoba Spa, Ciemmepi Srl). Scrittore di numerose opere saggistiche e narrative edite, diffusamente accreditate in Italia ed all’estero presso numerose Istituzioni( fra cui il Rijsksmuseum di Amsterdam, la Biblioteca Max Planck di Monaco di Baviera, la New York Public Library, L'Università di Heidelberg, l'Accademia di Brera a Milano, Palazzo Grassi a Venezia), editorialista, giornalista pubblicista, già per anni titolare di spazi televisivi in rubriche economico-finanziarie, collezionista e studioso delle Arti figurative, circa le quali è esperto nonché advisor di quel Mercato( è, tra l'altro, autore del Saggio sull'Art Market internazionale, adottato anche a livello universitario, “Arte in vendita”, Ed. Ananke, 2009, Prefazione di Ugo Nespolo, nonché di biografie di grandi Artisti del passato come Il Caravaggio, Ed. Ananke, 2005, e Jan Vermeer, Ed. Ananke, 2007, oltre che di personaggi storici come il Console Stilicone, Ed. Morea, 2006, e il Faraone della V Dinastia Neferefra, Ed. Ank. Cerriglio, 2003) ed organizzatore e curatore( a Torino, nel recente passato, delle Mostre su Hans Hartung “Lo Slancio”, con Catalogo edito da Allemandi, al MRSN e “Luigi Spazzapan” al MIIT) di eventi artistici nazionali ed internazionali( parimenti nel recente passato, a Torino, ha, tra l'altro, promosso e contribuito primariamente a rendere nuovamente possibili dopo anni le previews delle Aste di Christie's alla Pinacoteca dell'Accademia Albertina) anche per primari Enti istituzionali in campo economico e museale wordwide e Amministrazioni pubbliche( fra i più recenti, il Comune di Riccione, con la Curatela a Villa Mussolini di Fontana e Paesaggi e paesaggi) , nonché cultore e praticante di quelle musicali, opera altresì in diverse attività differenziate, dall’Imprenditoria in campo finanziario e organizzativo con Tactica, di cui è Presidente e fondatore, al Terzo settore ed al Business Social Networking attraverso realtà quali l’Associazione Consumatori Piemonte-federata nazionale Confconsumatori e Torino In Business Social Network( ente da dieci anni leader nazionale nel Business Social Networking per la co-fondazione del quale ha ricevuto il Premio Odisseo 2016), dei cui boards fa parte, alla ricerca Sociopolitica, con Magna Carta Nord-Ovest, che presiede, C.C. la Fondazione Magellano, che ha co-fondato, e Idea, della cui Direzione nazionale e del cui Comitato dei Garanti fa parte, al comparto Agroalimentare sostenibile con Vasagri, della quale è Fondatore nonché Amministratore da circa trent'anni, alla Solidarietà attraverso Organizzazioni quali il Lions Club International, nei quali è stato, fino a quest'anno, nel ventennio passato, Presidente e ripetutamente Officer Distrettuale, all'insegnamento universitario quale docente e referente del Corso di Economia degli investimenti( con parte del Programma d'insegnamento espressamente dedicato anche all'Art Market internazionale) alla Scuola di Studi Superiori dell'Università di Torino nonché presso altre istituzioni formative, al campo dello sviluppo dell'attività sportiva, dove, peraltro, vanta trascorsi agonistici di rilievo nazionale in discipline quali lo sci alpino, il ciclismo e il motociclismo.

Nessun commento per ora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile.