Fabrizio De André e l’umanità fatale di Piero