Vita da Carlo | Festa del Cinema di Roma

Vita da Carlo | Festa del Cinema di Roma

Il cineasta romano Carlo Verdone ha portato la sua prima serie tv a RomaFF16

La serie tv Vita da Carlo di Carlo Verdone è arrivata alla 16esima edizione della Festa del Cinema di Roma nella sezione Eventi Speciali. Dal 5 novembre è uscita su Amazon Prime Video. Formata da dieci episodi di trenta minuti ciascuno, Vita da Carlo parla della finta vera vita di Carlo Verdone. La serie è diretta dallo stesso cineasta con Arnaldo Catinari e scritta da Nicola Guaglianone, Menotti, Pasquale Plastino, Ciro Zecca, Luca Mastrogiovanni.

Vita da Carlo ha come base la nostalgia e ricorda il passato scintillante di questo attore romano tanto amato da tutta l’ Italia. Finzione e realtà si mixano per raccontare elementi sconosciuti del carattere di Carlo Verdone. Quest’ultimo è accompagnato da un cast affiatato. Max Tortora, Anita Caprioli, Monica Guerritore, Andrea Pennacchi e Stefano Ambrogi. Gli altri attori sono Caterina De Angelis, Antonio Bannò, Filippo Contri e Claudia Potenza. La scrittura ha fatto in modo che ci fosse equilibrio tra i vari personaggi.

Tutti sono protagonisti di gag vecchio stile, le cui azioni avvengono in una Roma sempre magica, ma al crepuscolo. Nella serie viene evidenziato la risposta fiacca da parte dei fan di Carlo Verdone alla visione dei suoi ultimi film. Il cineasta, infatti, vuole cambiare la sua carriera e presentarsi al proprio pubblico in un modo diverso. Si mostra come un artista stanco dei suoi vecchi personaggi che lo hanno portato alla fama. È deciso a dirigere un’opera esistenziale, dal racconto suggestivo, lontana dalle sue classiche commedie.

L’attore di “Bianco Rosso e Verdone” ha la possibilità di sentirsi più libero di agire

Le difficoltà che Verdone incontra nel lavoro le ritrova anche nella vita personale. Ha problemi, infatti, nel rapporto con la figlia Giulia, che vive con lui, insieme al fidanzato Chicco. Con il figlio Paolo, che si è trovato un monolocale da solo e con la ex moglie Sandra. Viene presentato un Carlo Verdone triste e depresso, che si fa condizionare dalle parole dei familiari, degli amici e dei fan che incontra e scontra nel corso delle sue giornate. Il cineasta ha la possibilità di salvare la propria figura pubblica, non scordata, ma usata solo per la sua fama.

Questo può succedere quando, per un equivoco, tutti pensano che Verdone si candiderà a Sindaco di Roma. Questo è il pretesto che fa iniziare la storia di Vita da Carlo. Nella serie è presente la realtà contaminata dai sogni fatti da Verdone. Elemento già presente nel suo film Benedetta follia. Questo progetto seriale ha dato l’occasione a Carlo Verdone di sentirsi più leggero, più libero. L’artista romano, infatti, non è costretto a far ridere per forza. Riesce a dosare con equilibrio momenti di riflessione con quelli comici.

I fan romani del regista non smettono di amare le sue vecchie commedie

Vita da Carlo presenta delle citazioni delle vecchie commedie di Verdone, un po’ rivisitate. È molto forte il meta-cinema e con esso viene presentata una comicità verdoniana cambiata negli ultimi anni. Nelle commedie passate, l’attore aveva dato vita a personaggi bizzarri, variegati e umani; con qualità e fisse. E tutti sono ancora impressi nei fan romani.

Infatti, proprio a loro, Carlo Verdone non dice mai di no. Si ferma per un selfie, anche nelle situazioni più grottesche. Sembra, infatti, che, in qualsiasi luogo vada, è costretto a rifare i suoi vecchi personaggi, ripetendo le loro frasi celebri. Vita da Carlo spesso sfocia nell’autoassoluzione e nella sit-com con elementi anni’50. 

Leggi anche: Gabriele Muccino | RomaFF16

Renata Candioto

Roma

Diplomata in sceneggiatura alla Roma Film Academy (ex Nuct) di Cinecittà a Roma, ama il cinema e il teatro. Le piace definirsi scrittrice, forse perché adora la letteratura e scrive da quando è ragazzina. È curiosa del mondo che le circonda e si lascia guidare dalle sue emozioni. La sua filosofia è "La vita è uguale a una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita".

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Il Progresso Magazine Online Logo

 

Associazione culturale “THE PROGRESS 2.0”
Direzione-Redazione-Amministrazione
Via teatro Mercadante, 7
70022 Altamura (Ba)
mail: [email protected]

SEGUICI SU