La regina degli scacchi | Un’avvincente scalata femminile

LA regina degli scacchi

La mini-serie Netflix in sette episodi, disponibile sulla piattaforma streaming dal 23 ottobre 2020, è indubbiamente la più vista di sempre. La storia di fondo è semplicissima e si basa sul romanzo del 1983 di Walter Tevis, The Queen’s Gambit. Quello che tutti ci chiediamo è: com’è possibile che un gioco difficile e strategico come quello degli scacchi possa aver fatto innamorare tutto il mondo? La risposta è solamente una: con La regina degli scacchi, i creatori Scott Frank ed Allan Scott puntano alla perfezione.

La storia

L’elegantissima Anya Taylor-Joy è Beth Harmon, la sfrontata antieroina protagonista di ogni puntata. Dalla perdita della famiglia all’orfanotrofio, dall’adozione all’età adulta, in pochi episodi lo spettatore riesce a conoscere Beth così profondamente da entrarci in empatia. Per questo continueremo a sostenerla in ogni sua scelta, per quanto assurda ci possa sembrare. In orfanotrofio la bambina già si mostra diversa dalle altre, non solo per i suoi capelli rossi: Beth è geniale e non esiterà a dimostrarlo.

Questo contenuto è riservato

Questo contenuto è riservato agli utenti con un abbonamento attivo

Eleonora Forsinetti
Eleonora Forsinetti

Classe 1992, laureata in Letteratura Musica Spettacolo presso L'università degli Studi di Roma "La Sapienza". Da sempre affascinata dall'arte, in tutte le sue forme, scrivo di spettacolo per raccontare storie ed emozioni.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Il Progresso Magazine Online Logo

 

Associazione culturale “THE PROGRESS 2.0”
Direzione-Redazione-Amministrazione
Via teatro Mercadante, 7
70022 Altamura (Ba)
mail: [email protected]

SEGUICI SU