Libri

Il rumore del silenzio: il romanzo storico di Nunzia Gianfriddo

“Il rumore del silenzio. Donne in marcia contro la camorra” di Nunzia Gionfriddo: una storia italiana. 

“Il rumore del silenzio. Donne in marcia contro la camorra” di Nunzia Gionfriddo è un romanzo storico ambientato a Napoli e nella sua periferia tra la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta. Solo chi ha vissuto quel periodo sa come il terrore fosse quasi palpabile: si aveva paura anche a camminare per strada, o a prendere una posizione nei discorsi politici più accesi; erano gli “Anni di piombo”, quelli delle stragi terroristiche ai danni di vittime innocenti, dei rapimenti politici e degli omicidi rivendicati da gruppi estremisti di destra e di sinistra. 

Nel napoletano sono stati inoltre gli anni della Nuova Camorra Organizzata del boss Raffaele Cutolo: essa si ingrandì notevolmente agli inizi degli anni Ottanta, coinvolgendo gli altri clan della camorra in sanguinose lotte di potere. Ad oggi considerata una delle mafie italiane più influenti, ha distrutto il tessuto sociale campano perché risultava particolarmente attraente per i giovani che non avevano opportunità di migliorare la loro condizione o per quelli che, chiusi in carcere, venivano reclutati usando la loro rabbia contro le istituzioni.

In questo romanzo l’incidenza violenta della camorra ispira sei personaggi a fare qualcosa di concreto per contrastarla, nel loro piccolo; l’autore racconta di una coraggiosa lotta ideologica alla camorra, combattuta con marce per la libertà e soprattutto con le parole, arma pacifica ma incisiva. 

Per Maria, Lucio, Enzina, Totonno, Rosetta e Ciruzzo «la lotta è lotta al terrorismo della camorra, è lotta di liberazione».

La libertà e la giustizia sono i loro valori, che perseguono con tenacia; abbandonati dallo Stato e continuamente delusi dalla diffusa e pavida omertà, i sei personaggi si danno da fare per sommergere quel silenzio drammatico con le grida di ribellione. 

In questa storia i personaggi sono simboli potenti: rimandano infatti a tutte quelle figure reali che nel corso degli anni hanno combattuto le mafie, anche a scapito della loro stessa vita; e se è vero che, come si afferma nell’opera, «la camorra non uccide ma dona l’eternità», allora è giusto continuare a ricordare questi uomini e queste donne che hanno davvero fatto la differenza per la nostra Italia.

In particolare, nei personaggi di Lucio e Totonno, rispettivamente giornalista e speaker radiofonico, e nella loro giornaliera diffusione di messaggi di coraggio e di rivolta, ritroviamo tutti coloro che hanno usato la potenza delle parole per soffocare il rumore del silenzio, e per ricordare che le idee di libertà non le possono fermare neanche le pallottole della camorra.

Titolo: Il rumore del silenzio

Casa editrice: Kairós Edizioni

Genere: Romanzo storico

Pagine: 156

Prezzo: 17,10 €

Leggi anche: I sogni non fanno rumore: il romanzo di Roberta Dieci

libri da leggererecensioneromanzoromanzo storico