“Ter(r)apeutica” di Luca Chendi: dall’oscurità alla luce

“Ter(r)apeutica” di Luca Chendi. «La giostra che sotto casa gira l’ira del vento che la muove non so se sente i richiami o se li lascia scivolare sopra ma dentro è uno stare eterno. Decide il tempo il verso: della direzione ho solo lo sguardo mentre tardo a trovare l’equilibrio quando forse è solo fino […]

Febbraio 2024
2 Mins Read
34 Views
Copertina fronte raccolta poetica di Luca Chendi

“Ter(r)apeutica” di Luca Chendi.

«La giostra che sotto casa gira l’ira del vento che la muove non so se sente i richiami o se li lascia scivolare sopra ma dentro è uno stare eterno. Decide il tempo il verso: della direzione ho solo lo sguardo mentre tardo a trovare l’equilibrio quando forse è solo fino qua che posso apprezzarne l’orizzonte. 

Nessuna fronte verticale che si alza o mare di burrasca può fermare questo mio cullarmi intorno ad un presunto nulla, ascoltando sciogliersi le trame della vita»: Luca Chendi affronta la bestia nera del lutto nella sua raccolta poetica “Ter(r)apeutica”. 

Nella lirica appena menzionata si avverte l’immobilismo di chi si trova immerso nella fase del lutto e si sente, appunto, cristallizzato, impossibilitato ad andare avanti e anche a guardare indietro, dove può scorgere le memorie dolorose; sembra quasi di non respirare, di non vivere, quando invece tutto intorno a te si muove forsennatamente, come una giostra che gira e gira, incurante di chi resta a terra. 

Questa poesia è contenuta nella prima sezione della raccolta, intitolata “Repost | Dolore”: risulta chiaro che l’autore ha perso la figura paterna e sta cercando di venire a patti con questo dolore lancinante; nella scrittura trova un sollievo, una terapia che lo spinga lontano dal vortice del nulla. Nonostante la sofferenza, egli è ancora in cerca di un significato per questa vita che colpisce forte e a volte sadicamente; l’autore si trova immerso nell’oscurità ma allo stesso tempo anela la luce, e in particolare desidera l’incontro con l’altro. 

Quest’aspirazione è presente nella seconda sezione della raccolta, intitolata “Miele”: da quello spazio claustrofobico e privo di slanci in cui si è imprigionato, colui che vive il lutto e la paralisi della vita comincia a “osservare la giostra” e a desiderare di poterci salire ancora; non è ancora uscito dal buio ma un po’ di strada è stata fatta. Si inizia infatti ad accettare il lutto e a sublimarlo; ma in che modo si attua questa trasformazione? 

Attraverso la relazione con l’altro, la condivisione, l’amore in tutte le sue forme – «Cerchiamolo di nuovo questo contatto spero regga alla presa, e l’energia dirami le attrazioni nell’estate». Nella terza sezione, intitolata “Tra i corti di Moretti”, la metamorfosi è compiuta, e si può tornare a sperare, malinconici, certo, ma aperti al mondo – «Tutto è dilatato tutto cerca il suo colore. C’è solo il tratto di un solco e queste tracce tra gli occhi che sguainano pensieri. Rimane un segno: l’accenno di una vernice che affresca una parete. All’improvviso siamo le più liete residenze del cuore».

Titolo: Ter(r)apeutica

Casa Editrice: Ronzani Editore

Collana: Lietocolle

Genere: Poesia

Pagine: 100

Prezzo: 15,00 €

Leggi anche: Pensieri al vento come un mandala

Exit mobile version