Stesso posto stessa data

STORIE DI TUTTI NOI:

UNA BREVE RIFLESSIONE…

Da sportivo inveterato, ogni mattina della bella stagione alle 7,30 (quando fa freddo opto per “il durante” la pausa pranzo) mi vado a fare un allenamento con la bici da corsa. In quel posto di mare, dove vado ad Agosto ininterrottamente da 35 anni, mi sono tracciato un circuito di strade interne collinari tutte in saliscendi lungo 25 km che ripeto due volte, sicché entro le 9,15 rientro evitando il gran caldo.

 Quella ragazza altrettanto sportiva come il sottoscritto, dedita al running in quelle strade praticamente deserte a quell’ora, ho iniziato a notare che era sempre la stessa che incrociavo una volta all’anno dopo 3-4 anni.

Al quinto anno abbiamo iniziato a farci un cenno di saluto e verso il decimo, 25 anni fa, ho messo il piede a terra e abbiamo parlato brevemente dei nostri fortuiti incontri annuali.

Il quindicesimo anno, ci siamo accorti che questo succedeva incredibilmente (in verità immagino che col tempo ci siamo auto-programmati) ogni 7 Agosto alle 8 precise sempre sullo stesso delizioso poggio sul mare di fronte all’isola dello Sparviero, dove di anno in anno ci siamo incontrati per trentacinque anni senza aver mai concordato di farlo, dedicandoci non più di cinque minuti sudati e boccheggianti.

Nel frattempo la ragazza è diventata giovane donna e poi signora e il giovanotto giovane uomo e poi adulto. Siamo entrati nella Terza Età e negli anni ci siamo detti, nel corso di quei cinque minuti annuali, che lavoro facevamo, da dove venivamo, che sport amassimo di più (lo sci) e dove lo praticassimo, che musica preferissimo e quali libri o film ci hanno maggiormente segnati. Abbiamo parlato dei nostri figli (pertanto immaginando, verosimilmente a ragione, che entrambi fossimo sposati), delle loro scuole, della Laurea, in questi ultimi addirittura dei nipotini.

E’ successo un paio di volte che l’uno o l’altra un 7 agosto non ci fosse e solo l’anno successivo abbiamo saputo che, fortunatamente, era per motivi seri a non gravi. Abbiamo parlato per quei pochi minuiti di ogni anno delle gioie e dei dolori – tanto che di anno in anno abbiamo seguito la salute dei rispettivi genitori, che nel frattempo sono mancati – delle speranze e delle delusioni.

Senza mai esserci detti come ci chiamiamo

E proseguiremo così fino a che uno o l’altra un anno troverà il 7 Agosto alle 8 quel poggio sul mare deserto, e quello dopo, e quello successivo, e quello dopo ancora.

Non sapremo mai se nel corso dei decenni abbiamo incontrato una persona reale, un fantasma o se ci siamo addirittura autosuggestionati, ma è certo che l’uno per l’altra abbiamo avuto una funzione (molto significativa, ben più di quella di decine o centinaia di persone che ci sono vissute ben più costantemente vicine) di personificazione del concetto del tempo, nozione così difficile da definire, che passa e che a un certo punto finisce per sempre e per tutti.

Per questo, con l’approssimarsi del Periodo di riflessione dei Santi e dei Morti, ho voluto rendere grazie a quella presenza che quando mancherà (o mancherò io per lei) segnerà un fair warning di fine del tempo, al di là di tutte le vanità.

LEGGI ANCHE: Aste internazionali di fotografia: l’evoluzione del mercato

Avatar
Paolo Turati

Laureato in Economia e Commercio all’Università di Torino nel 1982 dopo aver conseguito il Diploma al Liceo Scientifico salesiano Valsalice di Torino, l’imprenditore ed Economista Paolo Turati, Docente a contratto e Referente del Corso di Economia degli Investimenti “Investire” presso la Scuola di Studi Superiori dell’Università Torino per gli A.A. 2016-17 e 2017-18, è dal 2019 parimenti Docente nonché Presidente del Comitato scientifico presso la Saa-School of Management dell’Università di Torino dell’Executive Master di Wealth Management. Classe 1958, sposato con due figli, già Procuratore generale di Agente di Cambio sulla Piazza di Torino, è stato per anni titolare e Amministratore apicale di Società di capitali finanziarie e operanti nella Commissione in titoli e valori. E’ autore di numerose opere saggistiche e narrative edite, diffusamente accreditate in Italia ed all’estero presso numerose Istituzioni ( fra cui il Rijsksmuseum di Amsterdam, la Biblioteca Max Planck di Monaco di Baviera, la New York Public Library, L'Università di Heidelberg, l'Accademia di Brera a Milano, Palazzo Grassi a Venezia), nonché editorialista su testate nazionali, giornalista pubblicista, conferenziere e già per anni titolare di spazi televisivi regionali in rubriche settimanali economico-finanziarie specificamente incentrate sulla tutela del Risparmio. Esperto di Art Market internazionale e Coordinatore del Dipartimento Arte, Diritto e Mercato di “Fidartis-Multi family office”, è altresì da 15 anni Membro del Consiglio Direttivo e responsabile del Settore “Economia, Finanza, Banche e Assicurazioni” di Acp-Federata nazionale Movimento Consumatori, nonché Consigliere di Amministrazione della Fondazione per l’Architettura. Appassionato pianista, nutre grande interesse per il fenomeno del Collezionismo e per la ricerca storiografica e vanta trascorsi agonistici con ranking a livello di punteggio nazionale nello Sci alpino nonché una lunga pratica agonistica nel Ciclismo su strada e nel Motociclismo fuoristrada.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Il Progresso Magazine Online Logo

 

Associazione culturale “THE PROGRESS 2.0”
Direzione-Redazione-Amministrazione
Via teatro Mercadante, 7
70022 Altamura (Ba)
mail: info@ilprogressonline.it

SEGUICI SU