Arte ed economia: il binomio inscindibile