La fragilità della vita in foglie: il Bacchino malato di Caravaggio