Sui limiti della fisica quantistica