La figura del c.d. agente provocatore