fbpx

Il futuro del Web3 in Italia: tra innovazione e regolamentazione, alcune riflessioni di Federico Pagliuca ceo di Docudrop

blank

(Adnkronos) –
Genova, 26 gennaio 2024, – La recente ascesa del Web3, con le sue tecnologie emergenti come la Blockchain, gli Smart Contracts e la Tokenizzazione, ha aperto nuove frontiere nel panorama digitale. Mentre il mondo si interroga sul reale impatto di queste tecnologie nella vita quotidiana, Federico Pagliuca, ceo di Docudrop e riconosciuto esperto digitale, condivide le sue riflessioni sul potenziale trasformativo del Web3 e sulla situazione normativa in Italia. Quando parliamo di Web3, blockchain, smartcontracts e tokenizzazione, parliamo di più che semplici termini tecnici. Stiamo assistendo a una rivoluzione digitale paragonabile all'avvento di Internet, secondo Pagliuca. Queste tecnologie hanno l'ambizione di innovare ogni settore, dal Food al Finance, fino al Real Estate, mirando a migliorare l'efficienza dei processi e, di conseguenza, della società nel suo insieme. Queste innovazioni, sebbene promettenti, sollevano interrogativi riguardo la loro reale applicabilità e i benefici in termini di sicurezza, trasparenza ed efficienza.  Non possiamo ignorare il dibattito che circonda queste tecnologie, soprattutto considerando la loro natura innovativa e relativamente giovane. La questione normativa diventa quindi centrale e la domanda che si pone Pagliuca è se esiste un quadro legislativo che stabilisce l'applicazione e i limiti di utilizzo di queste tecnologie. L'Italia, nonostante la sua apertura verso le nuove tecnologie, ha mostrato una certa lentezza nel definire il perimetro di attuazione delle stesse. Il riconoscimento giuridico del Web3 in Italia è ancora in una fase iniziale. La confusione tipica della trasformazione digitale tra soluzione tecnologica e applicazioni di business rende il processo ancora più complesso, osserva Pagliuca. Fondamentali sono stati i passi mossi tra il 2018 e il 2019, in particolare con il decreto semplificazione 2019. Questo decreto, e in particolare l'articolo 8 ter comma 3, ha segnato un punto di svolta, riconoscendo gli smartcontracts e conferendo loro il requisito di forma scritta. Tuttavia, l'attesa delle linee guida da parte dell'AgID ha lasciato un vuoto in termini di applicazioni pratiche e giuridiche, spiega Pagliuca. Nonostante l'Europa si sia mossa con maggiore concretezza, istituendo l'osservatorio e il Forum Europeo sulla Blockchain, in Italia il processo è ancora in corso. Pagliuca è però fiducioso che nel prossimo periodo l'AgID rilasci linee guida chiare, che permetteranno di comprendere pienamente i requisiti e i limiti di applicazione di queste tecnologie rivoluzionarie. Da esperto digitale, Federico esprime un cauto ottimismo riguardo il futuro del Web3 in Italia e si aspetta che le istituzioni procedano con determinazione e dinamicità, riconoscendo e abilitando queste tecnologie che, sebbene oggi possano sembrare astratte, si candidano come game changer della società. Il Real Estate, settore di specializzazione di Pagliuca, rappresenta un esempio emblematico del potenziale impatto del Web3. E l’imprenditore come sempre sta cercando di essere il first mover del settore, contribuendo all'innovazione e adattandosi ai cambiamenti. E il Real Estate è solo uno dei tanti settori che potrebbero beneficiare enormemente di queste tecnologie. In un momento in cui il Web3 sta guadagnando sempre più attenzione, le parole dell’esperto sottolineano l'importanza di un approccio bilanciato, che tenga conto sia dell'innovazione tecnologica che della necessità di un quadro normativo chiaro e definito. Per informazioni: 

Docudrop


 —[email protected] (Web Info)

Nessun commento

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Il Progresso Magazine Online Logo

 

Associazione culturale “THE PROGRESS 2.0”
Direzione-Redazione-Amministrazione
Via teatro Mercadante, 7
70022 Altamura (Ba)
mail: [email protected]

SEGUICI SU