fbpx

Ucraina, niente aiuti e armi da Usa: Senato dice no ma c’è piano B

blank

(Adnkronos) –
Niente aiuti e armi dagli Usa all'Ucraina, almeno per ora. Il Senato boccia la legge che avrebbe dovuto garantire un maxipacchetto da 61 miliardi a Kiev. Il no firmato dai repubblicani, con l'ombra di Donald Trump dietro le quinte, non fa calare il sipario sulla vicenda e sulle speranze del presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Esiste un 'piano B' per uscire dalle sabbie mobili in cui il pacchetto è stato spinto con 49 voti contrari rispetto ai 50 favorevoli, laddove ne servivano almeno 60. Il leader della maggioranza democratica, Chuck Schumer, ha votato no per ragioni tecniche. Ciò gli permetterà di presentare una nuova mozione, tentando di far votare una misura che comprenderà solo i fondi per Ucraina, Israele e altre priorità di politica estera, senza legarle misure anti migranti sul confine meridionale, come era stato inizialmente chiesto dai repubblicani. 
A spingere per la bocciatura delle legge in Senato è stato Trump: "Solo un pazzo, un democratico della sinistra radicale, potrebbe votare questa orribile legge", ha scritto sul suo social Truth. "Non avrei mai pensato di vedere una cosa del genere", ha commentato il presidente Joe Biden, stizzito per il 'verdetto' malgrado nel pacchetto fossero state inserite misure per il controllo del confine con il Messico, come chiesto dal GOP. I repubblicani hanno fatto marcia indietro perché "sono stati minacciati da Donald Trump", ha detto Biden in un incontro con un gruppo di donatori a Manhattan, riferisce la Cnn. Schumer, nonostante l'esito negativo intuibile prima della votazione, ha deciso di andare avanti con il voto procedurale pur sapendo di non avere i voti necessari ad arrivare alla maggioranza qualificata per procedere la legge. In questo modo i democratici potranno, in campagna elettorale, accusare i repubblicani di essersi opposti all'approvazione di misure efficaci per la sicurezza del confine, per fare gli interessi di Trump che vuole poter continuare ad attaccare Biden come responsabile di "un'invasione" di migranti. Intanto, Schumer può lavorare per attivare il piano B: il leader ha spiegato ai dem e alla Casa Bianca che "ha preparato un piano per ripresentare la mozione e costringere i repubblicani a votare i fondi all'Ucraina e Israele senza le misure di confine", hanno spiegato a The Hill fonti dei democratici al Senato. Secondo Schumer vi sarebbero abbastanza voti repubblicani per arrivare alla soglia di 60 e quindi poi portare in aula i 61 miliardi di dollari per l'Ucraina per il voto finale. —internazionale/[email protected] (Web Info)

Nessun commento

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Il Progresso Magazine Online Logo

 

Associazione culturale “THE PROGRESS 2.0”
Direzione-Redazione-Amministrazione
Via teatro Mercadante, 7
70022 Altamura (Ba)
mail: [email protected]

SEGUICI SU