Weathering with you | E se imparassimo a lasciare andare?

Weathering with you

Weathering with you

insegna che tutto scorre

“Weathering with you” è un film d’animazione del 2019 scritto e diretto da Makoto Shinkai; quasi subito la pellicola è stata seguita da un romanzo omonimo, firmato dallo stesso autore.

In un Giappone all’apparenza instabile come il suo clima, una ragazza ha letteralmente la capacità di influenzare le condizioni atmosferiche del Paese: soltanto lei sembra in grado di richiamare il sole nei cieli di Tokyo, scongiurando la serie di piogge infinite che pare essersi accanita sulla città.

Un potere strambo, dal quale Hina e Hodaka (protagonisti di “Weathering with you”) riescono a trarre profitto improvvisando una sorta di “agenzia del bel tempo“: la ragazza accetta infatti di presenziare dietro pagamento ai vari eventi organizzati dagli abitanti, in modo da garantire ai suoi clienti un clima splendente.

Tuttavia lei e l’amico Hodaka si rendono presto conto che un tale potere ha un grave prezzo; più viene usato e più consuma la giovane “sunshine girl“, fino al punto di farla diventare trasparente a poco a poco. Alla fine, lo sanno entrambi, Hina svanirà.

E oltre a uno scotto da pagare questo potere ancestrale porta con sé anche una grande responsabilità: se Hina venisse meno al proprio ruolo per salvarsi la vita, gli abitanti di Tokyo perderebbero molto più di una giornata di sole… La pioggia si abbatterebbe su di essi senza controllo, e allora sarebbe la città a scomparire.

Si tratta di scegliere tra un’intera nazione e una ragazzina, dunque; e sebbene Hina sia decisa a sacrificarsi per il bene degli esseri umani, Hodaka si rifiuta di perderla e la rincorre fino a raggiungerla in un’altra dimensione: lassù la convince a scegliere se stessa, la sua esistenza e la sua felicità. Anche contro i bisogni di milioni di persone.

Tokyo città sommersa

Quindi piove su Tokyo. Il diluvio finisce per inondare un’intera parte della città, coprendo ciò che c’era prima; la popolazione è costretta a spostarsi abbandonando i luoghi che aveva sempre conosciuto, e tutti in qualche modo si adattano alla nuova situazione.

Tanto che non sembra solo un problema materiale. I personaggi di “Weathering with you” infatti vanno avanti con le loro vite affrontando i guai da cui avevano tentato di fuggire: Hodaka è tornato sulla sua isola natale e ha dovuto restare là fino al compimento della maggiore età, anche se ha sempre detestato quel luogo; la stessa Hina, insieme al fratellino, con ogni probabilità è collocata in una casa famiglia dovendo rinunciare alla propria indipendenza.

E Keisuke, amico e collega di Hodaka, è tuttora separato dalla figlia e pare che si sia rassegnato a non vivere con lei, a vederla solamente in determinate occasioni.

Sembra agrodolce il finale di “Weathering with you”, e forse lo è davvero; sembra che l’ineluttabilità della realtà abbia schiacciato i personaggi come le piogge torrenziali hanno lentamente inghiottito aree della città un tempo abitate da persone con dei sogni, delle aspirazioni, delle abitudini.

Un avvertimento all’umanità

Ma oserei dire che dietro a una conclusione apparentemente lontana dai soliti “e vissero per sempre felici e contenti” (non che i film d’animazione giapponesi abbiano mai indugiato tanto sui finali da fiaba…) vi possano essere diverse interpretazioni.

La prima, la più evidente e in qualche modo la più urgente, è un appello dell’autore alla cura della nostra Terra: “Weathering with you” ci fa capire che l’uomo non è poi così essenziale alla natura, che ci sono forze (spirituali o meno) in grado di sconvolgere in un istante tutta la nostra civiltà e che dobbiamo avere rispetto del pianeta sul quale siamo ospiti se non vogliamo oltrepassare un limite da cui è impossibile tornare.

Il potere atavico di Hina è stato dimenticato dalla società attuale, eppure esiste ancora e si è risvegliato: e se non saremo in grado di mantenere un equilibrio, se continueremo a manipolare l’ambiente per i nostri scopi… Quelle forze sotterranee potrebbero salire in superficie e sommergerci. Forse ce lo meriteremmo, forse sarebbe giusto così.

La filosofia di “Weathering with you”

In secondo luogo credo che l’opera contenga una chiave di lettura più metaforica, legata alla filosofia orientale; già, perché nonostante la situazione grave in cui Tokyo versa non sembra che i personaggi siano infelici: in sottofondo si avverte il dolore di una parte di esistenza affondata sotto il temporale, eppure nel contegno dei superstiti c’è anche qualcos’altro.

La quiete di chi ormai sa che tutto scorre e alla fine nulla cambia davvero.

Le piogge non smettono di cadere sulla città, e il film lascia intendere che travolgeranno tutto il Giappone e poi forse il mondo intero; allora perchè non sembra un giudizio universale, perché l’instabilità della prima parte della storia pare essersi paradossalmente tramutata in uno scenario di calma e silenzio?

Perché era così che doveva andare. Perché gli uomini sono creature giovani nell’universo e non vedono al di là del loro naso, ma la natura muore e si rigenera da secoli e non trema dinanzi alle insicurezze umane.

L’universo sa che niente è eterno, che va bene se ciò che c’era viene annullato e sopra di esso si costruisce qualcosa di nuovo; è la legge della vita, dove tutto viene rielaborato e nulla è mai perso davvero. Le isterie degli umani davanti a ogni cambiamento sono il retaggio di una visione limitata, ma nel finale di “Weathering with you” è come se gli uomini siano (loro malgrado) diventati più saggi accettando di rinnovarsi con la natura.

Se siano destinati a trasformarsi in qualcosa di diverso o siano condannati a sparire infine sotto le piogge… Beh, il film non ce lo dice perché forse non è così importante: l’importante è capire che in certi casi occorre lasciare andare e permettere alla vita di scorrere. Addirittura se significa sacrificare delle vite.

In fondo la morte fa parte di questo mondo.

Si tratta di una visione filosofica sensata ma probabilmente impossibile da abbracciare del tutto, poiché non saremmo umani se fossimo sempre in grado di capire quando lasciare andare: se non ci attaccasimo patologicamente a certe cose, se non ci rifiutassimo di abbandonarle, se non ci accanissimo per non perderle e non restassimo talvolta (spesso) sconfitti… Non avremmo passione, quindi non esisterebbero le grandi imprese né l’amore e nemmeno le arti.

Perciò non credo che l’insegnamento di “Weathering with you” sia così semplice da condividere. Tuttavia la filosofia nutre il pensiero e non la pratica, e a livello di pensiero è importante capire che alla fine tutto scorre; una verità che la spiritualità orientale sembra accettare con più serenità rispetto a quella occidentale, come possiamo vedere anche in altre opere giapponesi: nel finale di “Amrita“, per esempio, Banana Yoshimoto fa dire a Sakumi che nella sua vita tutto è stato stravolto per tornare poi a una condizione simile a quella di partenza. Nulla cambia, e tutto scorre.

La protagonista “egoista”

C’è un’altra tematica di “Weathering with you” che merita di essere approfondita. In quanti dinanzi alla scelta di Hina avranno pensato che è da egoisti anteporre una sola vita alle esistenze di tante persone, le quali non hanno avuto voce in capitolo circa la decisione di lasciare che le piogge sommergano la città? Passi la disperazione di Hodaka, il quale chiaramente vuole salvare la ragazza di cui è innamorato, ma lei? Perché lei si lascia convincere e insegue la sua piccola felicità a scapito di un “dovere” che pare esserle stato impartito da forze superiori?

Zio Ben ha insegnato a Peter Parker che “da grandi poteri derivano grandi responsabilità“, quindi non era compito di Hina salvaguardare le condizioni climatiche della Terra fino a sacrificare la sua stessa vita?

Sarebbe facile pensarla così, davvero. Ma non credo che Makoto Shinkai abbia voluto mettere dell’egoismo nella protagonista del film: ritengo invece che abbia voluto dare una visione realistica della natura umana, perché sono pochi gli uomini che usano lo stesso peso per tutte le vite.

E va bene così: che gli uomini considerino le loro esistenze e quelle dei loro cari più importanti di quelle di migliaia di sconosciuti è normale. E il regista vuole dirci che c’è differenza tra scegliere se stessi quando non ci sono alternative (come Hina) e fare deliberatamente del male al prossimo.

Ma soprattutto penso che Shinkai abbia voluto dirci che l’uomo è chiamato ad ascoltare se stesso, ancora più di quanto sia chiamato a compiere buone. Il bene e il male sono concetti relativi, e chissà, forse se Hina avesse scelto di sacrificarsi non avrebbe fatto davvero il bene dell’umanità: nessuno può esserne certo, a meno che non sappia prevedere il futuro. Forse fermando le piogge avrebbe condannato gli uomini a restare bloccati nell’impasse della Tokyo odierna, mentre con quel suo gesto d’egoismo potrebbe aver dato all’umanità la possibilità di rigenerarsi.

Facendo ciò che si ritiene giusto si può sbagliare. Facendo ciò che si sente giusto, invece, incredibilmente non si hanno mai rimpianti.

Leggi anche: Il dubbio | rassicurante quanto la certezza

Avatar
Elisa Costa

Elisa è nata a Busto Arsizio il 29 maggio 1991. Si è diplomata al Liceo Classico Daniele Crespi di Busto Arsizio nel 2010, e nel 2013 si è laureata in Scienze dei Beni Culturali presso l'Università degli Studi di Milano. Da poco più di quattro anni lavora come addetta ufficio stampa per l'agenzia letteraria Saper Scrivere Bene. Nel 2017 ha ottenuto il diploma di correttore di bozze dopo aver frequentato un corso di cdb presso la casa editrice Panesi. Nel frattempo ha cominciato a lavorare anche da freelance sia come addetta ufficio stampa (in ambito letterario e non) sia come editor per la scrittrice e giornalista Beatrice Masci. Inoltre ha tenuto per qualche tempo dei corsi online di grammatica italiana per stranieri. Nei ritagli di tempo offre lezioni private di letteratura, filosofia, storia dell'arte e altre materie umanistiche. In futuro vorrebbe aprire un'agenzia letteraria propria; nel frattempo è diventata la titolare, insieme ad altre due socie, dell'agenzia di servizi editoriali Servizi d'Autore. Sta inoltre frequentando un corso/tirocinio di editing presso la casa editrice Genesis Publishing. Come autrice ha pubblicato, dal 2011 a oggi, due raccolte di poesie ("Poesie per te", edita da Aletti, e "50 giorni con le streghe", edita da Eretica) e un breve romanzo, "Il cuore dello sposo" (Eretica Edizioni). Inoltre nel corso degli anni ha pubblicato un certo numero di poesie in antologie di autori vari, alcune edite da Aletti e una edita da Pagine. Nel 2016 il suo racconto "Pomeriggio di caccia" è stato pubblicato nell'antologia "Io scrivo per voi: parole per ricostruire", un'opera il cui ricavato è stato devoluto alle vittime del terremoto del 24 agosto 2016. Da aprile 2016 a febbraio 2017 ha lavorato come redattrice per il webmagazine Hall of Series. Nello stesso anno il suo racconto "Il dio lavoro" è arrivato tra i primi dieci finalisti del Premio Letterario Cremascolta 2016. Nel 2019 ha scritto per Vizi Editore una biografia romanzata di Tim Burton, la quale è stata pubblicata in forma di audiolibro. La sua poesia "Salvami" sarà presente nel primo numero della rivista Polyglot Poetry Magazine.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Il Progresso Magazine Online Logo

 

Associazione culturale “THE PROGRESS 2.0”
Direzione-Redazione-Amministrazione
Via teatro Mercadante, 7
70022 Altamura (Ba)
mail: [email protected]

SEGUICI SU