MIRRORS | Alex Pinna

View Gallery 16 Photos

A cura di Mariaimma Gozzi

Salti di quota, equilibri precari, vuoti e sospensioni…

Spazi simbolici condensati in una intenzione e propensione capace di rendere visibile il non visibile.

Corpi e gambe esili, allungati, apparentemente fragili. 

Volti anonimi, privi di dettagli eppure talmente intensi da percepirne la mira, il paradosso, l’assoluto. L’espressione affiorante, elegante e discreta, svela la natura riflessiva, introspettiva e melanconica dei protagonisti.  Forse siamo noi… anzi, siamo proprio noi! 

Specchiarsi nelle sculture di Pinna è possibile solo se non temi l'”altezza”, solo se desideri misurare pensieri e circostanze e celebrarli in solitudine come un’eremita.

Analizzando alcune ragioni della scultura dell’artista, essa trova nell’essenziale e nel minimalismo la più elevata corrispondenza, difatti è annullando il superfluo che si accede all’essenza delle cose,  all’interiorità dell’essere. Per certi versi è un percorso affine al grande scultore A. Giacometti, non solo per le sembianze delle sculture, quanto per la suggestione filosofica di cui Pinna s’invaghisce riuscendo a concentrarne il potere evocativo; così come Giacometti, Pinna incarna e umanizza a tuttotondo il desiderio, l’aspirazione, il gesto.

Si palesa la condizione di sfida -prima di tutti con se stessi- si coglie il dinamismo mentale, in un corpo in movimento o in stasi, intento a contemplare spunti d’osservazione inediti, fughe e orizzonti su cui salire per perdersi come un contemporaneo Viandante sul mare di nebbia di Friedrich. E ritornando sulla sintesi della forma i volumi delle teste e dei volti delle sculture di Pinna ci fanno tornare in mente il raffinatissimo Brancusi; quei lineamenti tutti uguali e quindi negati, sottratti alla unicità, da cui emerge irrimediabilmente il “vero”, pronti come sono a tradire un’emozione e a trasmetterla inequivocabilmente. Torna quell’eco primitivo tra ‘800 e ‘900 di Rodin, Picasso, Ernest e Modigliani, come un’anomalia, come un riverbero colto; ma l’esemplificazione della figura umana sulla scia di una contaminazione, nelle sculture di Pinna, non solo fa da ponte tra antico e contemporaneo, piuttosto esige una lettura meno ancestrale/istintuale e più razionale.

Infatti quei corpi hanno gambe lunghissime perché volontariamente prendono le distanze dal suolo così come dal resto del mondo -gesto e forma necessitante a Dalì nella scultura in bronzo l’“Elefante Spaziale”, ove le gambe esili si allungano ed entrano in una nuova dimensione che collega cielo e terra-. Ecco, l’indagine di Pinna desidera l’estensione, l’assenza di peso gravitazionale, e ce lo dimostra chiaramente con gli omini seduti sul trampolino sospesi nel nulla, o quando sono costituiti di corda ovvero della stessa materia che li fa pendere o arrampicare.

Si tratta di una consapevolezza volta a comunicare la vertigine di volare e l’inquietudine folgorante. L’uomo che si tende e si estende, come un arco, sappiamo bene che si specchia nella fessura dell’universo perché di esso n’è parte. Sono segni primigeni di cui non abbiamo perso traccia e non sono di certo astratti. In conclusione, l’indagine di Alex Pinna si narra perfettamente attraverso l’eloquenza di un’affermazione di C. Brancusi “Folli sono quelli che considerano le mie sculture astratte. Ciò che essi credono essere astratto è quanto vi è di più reale, […] l’essenza dei fenomeni”.

SaracenoArtgallery, Roma

9 marzo | 23 aprile 2022

Leggi anche: La scultura di Carolina De Cesaris

Avatar photo
Mariaimma Gozzi

Mariaimma Gozzi è un critico d'arte di raffinato senso estetico. Elegante ed estroverso il linguaggio che la contraddistingue nell'indagine concentrata sul mondo dell'Arte Contemporanea. Eclettica e sensibile vive a stretto contatto con gli artisti nei loro studi in modo da conoscere sin dalla fase embrionale il processo creativo che risiede nell'opera d'arte. Autrice di numerosi articoli, testi critici e interviste a personaggi di spicco dell'arte, della cultura e della politica per la Rivisita d'Arte, Cultura e Scienza EQUIPèCO e per Il PROGRESSO. Inizialmente intraprende una carriera votata all’architettura, in cui determinate è la vicinanza allo zio - l' ingegnere Barnaba Gozzi - edificante modello di professionalità, già Cavaliere del Lavoro. La personalità ecclettica la conduce a viaggiare per lavoro e a frequentare l'ambiente culturale europeo del teatro, della letteratura, della musica e dell'arte sviluppando proprio verso quest'ultima una passione esclusiva. Preziosa è la formazione all’Accademia Belle Arti di Roma; allieva di docenti protagonisti dell’arte del ‘900: Maria Teresa Benedetti, Giovanna Dalla Chiesa, Armando Nobili, Francesco Cosentino. E più avanti nel tempo emerge irruente la passione in particolare per la Storia dell’Arte, approfondisce gli studi frequentando la facoltà di Storia dell’Arte all’Ateneo di Tor Vergata, conseguendo la Laurea Magistrale. Allieva di docenti protagonisti dell’arte del XXI sec.: Barbara Agosti, Maria Beltramini, Simonetta Prosperi Valenti, Franco Gallo; Attualmente vive a Roma, cura mostre per gallerie in Italia e all’Estero; È docente di Storia dell’Arte; Scrive per la Rivisita d'Arte, Cultura e Scienza EQUIPèCO di cui cura la rubrica delle interviste e per Il Magazine Il PROGRESSO. Formazione : Università Tor Vergata, Roma - Laurea Magistrale di Storia dell’Arte Accademia Belle Arti di Roma - Laurea di Scenografia Liceo Artistico - Roma Contatti : e-mail : [email protected] Sito Uff. : www.mariaimmagozzi.it

Nessun commento

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Il Progresso Magazine Online Logo

 

Associazione culturale “THE PROGRESS 2.0”
Direzione-Redazione-Amministrazione
Via teatro Mercadante, 7
70022 Altamura (Ba)
mail: [email protected]

SEGUICI SU