Debito pubblico italiano, realtà sovvertita o celata da parte della S&P?

In un’epoca piena di incertezze e crisi economica, con lo spauracchio di un nuovo lockdown, in un anno in cui il PIL italiano è destinato a precipitare oltre il 9% (il deficit vola verso il 10% e il debito pubblico è in risalta dal 135% al 158%), la nota agenzia di rating Standard & Poor’s decide di confermare il rating dell’Italia e, come se ciò non bastasse, anche di migliorare l’outlook da negativo a stabile.

Quanto accaduto appare inspiegabile: basti pensare che nell’Ottobre 2018, con un quadro economico-finanziario sicuramente più stabile, la stessa agenzia di rating revisionò l’outlook da neutrale a negativo.

Questo contenuto è riservato

Questo contenuto è riservato agli utenti con un abbonamento attivo

Avatar
Antonio Valenza

Giurista. Studioso e appassionato di finanza e di economia. Arbitro Federale di pallavolo indoor e di beach volley.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Il Progresso Magazine Online Logo

 

Associazione culturale “THE PROGRESS 2.0”
Direzione-Redazione-Amministrazione
Via teatro Mercadante, 7
70022 Altamura (Ba)
mail: info@ilprogressonline.it

SEGUICI SU