Autobiografia di mio padre | di Gloria Vocaturo

Autobiografia-di-mio-padre-di-Gloria-Vocaturo

“Autobiografia di mio padre”, la delicata opera di Gloria Vocaturo

«Quando si finisce di scrivere un romanzo come questo ci si sente meno soli. Era una mia urgenza: raccontare di mio padre e riprendere un dialogo interrotto quasi dieci anni fa. Lui mi ha sostenuta nei miei momenti delicati. Il suo ricordo, la sua fede, mi sono stati sempre sufficienti. Con questo romanzo voglio anche sottolineare la fondamentale importanza della famiglia nelle nostre vite e il suo valore nella società. Importante lo è stata nella mia infanzia, nella mia crescita e lo è tutt’ora. 

Costantemente inserita in una condivisione spirituale»: la poetessa Gloria Vocaturo presenta con queste emozionanti parole la sua prima opera di narrativa “Autobiografia di mio padre”. In questo romanzo la dimensione materiale e quella ultraterrena si intrecciano e danno origine a un intenso dialogo tra i vivi e i morti; è il padre dell’autrice, Romeo, la voce narrante di una storia che parla dell’amore che riesce a sopravvivere a tutto, anche alla morte. 

Egli è ormai defunto, e si trova in un luogo situato in un altrove metafisico dove non esiste il dolore o la paura; Romeo può osservare i suoi cari e sentire l’amore che li ha sempre legati ma allo stesso tempo sa anche che devono riuscire a lasciarlo andare, perché egli non appartiene più a quella dimensione. 

Egli ci consegna importanti riflessioni sui temi della famiglia, della perdita, del lutto e dell’amore, portandoci a pensare alla direzione che ha preso la nostra esistenza e magari agli errori che stiamo commettendo. 

Inoltre, Romeo ci racconta la sua vita, offrendoci insegnamenti e consigli: parla, ad esempio, della sua incrollabile fede, dell’esperienza con la Seconda guerra mondiale, degli anni della crescita e anche di episodi particolari che emozionano nella loro semplicità, come quando, in viaggio con gli scout, ha salvato dei cuccioli di lupo – «Quel giorno tutto smise di morire, tutti smisero di avere paura, anche le foglie si tolsero di dosso la loro gialla tristezza. Quel giorno conobbi la bellezza della vita. La mia appartenenza alla creazione.

Quel giorno iniziai a salvarmi anche io». Gloria Vocaturo ci conduce in una storia che omaggia il grande dono della vita, e che ci ricorda che nulla si perde, soprattutto gli affetti più sinceri, perché rimangono dentro di noi e mai ci abbandonano, anche se non possiamo più vederli. Romeo stesso, infine, ci lascia un potente messaggio: «La famiglia, in tutte le sue forme, è l’ancora della vita, è la purezza dei sentimenti».

Leggi anche: Il volto della vita di Giorgio Gavina

Casa Editrice: Castelvecchi Editore

Genere: Narrativa contemporanea

Pagine: 104

Prezzo: 14,00 €

Contatti

https://www.instagram.com/vocaturogloria/?hl=en

www.castelvecchieditore.com

Link di vendita online

http://www.castelvecchieditore.com/prodotto/autobiografia-di-mio-padre/

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Il Progresso Magazine Online Logo

 

Associazione culturale “THE PROGRESS 2.0”
Direzione-Redazione-Amministrazione
Via teatro Mercadante, 7
70022 Altamura (Ba)
mail: [email protected]

SEGUICI SU