Come realizzare un birdgarden e immergersi nella natura

Scopriamo insieme come realizzare un birdgarden, trasformando in poche mosse il nostro giardino in un luogo accogliente e sicuro per i volatili!

Avere un piccolo appezzamento verde è una grande fortuna, perché allora non realizzare un birdgarden? Il giardino ci permette, infatti, di trascorrere momenti sereni e rilassanti a stretto contatto con la natura. Il canto degli uccelli è uno dei suoni più belli che la natura ci offre ed è piacevole lasciarsi cullare dalle sue note.

Poter osservare la fauna locale, inoltre, è decisamente interessante. Seguendo questi consigli potremo trasformare il nostro cortile in una vera e propria oasi di pace dove accogliere e osservare diverse specie di volatili.

Le siepi

Se il vostro giardino è abbastanza grande e avete la possibilità di piantare delle siepi, sappiate che questo sarà molto apprezzato dai volatili. Le siepi, infatti, costituiscono per gli uccelli un luogo sicuro dove riposare e nel quale trovare ristoro.

Un birdgarden attrezzato disporrà di siepi e cespugli grazie ai quali gli animali potranno trovare giovamento. Dalle siepi potranno nutrirsi con le bacche e, grazie ai rami e alle foglie, potranno approntare un nido per sé e per i loro piccoli.

Le fonti d’acqua

Scopriremo che la presenza di diverse fonti d’acqua è indispensabile quando ci informeremo su come realizzare un birdgarden. I volatili, infatti, non usano gli abbeveratoi solo per dissetarsi ma anche per lavare e rinfrescare il proprio piumaggio. La profondità dell’acqua non deve essere molta.

Al contrario, è preferibile che negli abbeveratoi posti nel vostro birdgarden l’acqua non sia più profonda di una manciata di centimetri. È utile anche predisporre, nelle vicinanze della fonte d’acqua, delle pietre per far riposare i volatili. Una regola fondamentale è quella di stare sempre attenti a posizionare le vaschette con l’acqua fuori dalla portata di eventuali predatori!

La mangiatoia

La ricerca spontanea di cibo nelle siepi e nelle piante è, senza dubbio, la scelta preferita dagli uccelli. Nei periodi di forte freddo e intemperie, però, questa ricerca risulta più complessa e difficoltosa. Per questa ragione è consigliabile disporre, nei birdgarden, almeno una mangiatoia da appendere sui rami degli alberi.

Ogni mangiatoia artificiale andrà riempita con il cibo più adatto ai volatili che si intende ospitare nel proprio giardino. Se, infatti, per i pettirossi e i merli la frutta fresca è l’alimento più indicato, per fringuelli e cardellini sono i semi di canapa e girasole a costituire il cibo migliore.

Le piante adatte

Un’idea utile è quella di scegliere di piantare, nel proprio giardino, più piante diverse per poter accogliere e osservare volatili di varie specie. Il biancospino, ad esempio, sarà molto apprezzato dai volatili sia per la presenza di bacche rosse e gustose sia perché, tra le sue fitte fronde, gli uccelli potranno approntare un nido sentendosi al sicuro. Anche gli alberi da frutto, con i loro frutti dolci e succosi, sono molto apprezzati da diversi volatili.

La cura del birdgarden

Per la cura del vostro birdgarden sono indicati solo prodotti naturali: è, quindi, assolutamente sconsigliato utilizzare prodotti chimici che potrebbero ledere agli animali! Inoltre, in un birdgarden rispettoso della natura e della fauna, è utile ricordare che le foglie secche e i rametti presenti sul prato non vanno levati.

Infatti, per quanto ad alcune persone possano sembrare anti-estetici, bisogna tener presente che questi elementi naturali sono molto utili per i volatili, i quali li utilizzano per costruire e foderare i loro nidi.

Leggi anche: Come arredare una casa piccola | Idee e suggerimenti

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Il Progresso Magazine Online Logo

 

Associazione culturale “THE PROGRESS 2.0”
Direzione-Redazione-Amministrazione
Via teatro Mercadante, 7
70022 Altamura (Ba)
mail: [email protected]

SEGUICI SU