Dagli Appennini al Tirreno | tra Lupi e Strinati 

  Dagli Appennini al Tirreno | tra Lupi e Strinati un sodalizio poetico sotto forma di racconto  

Le parole viaggiano con fare leggiadro, tra Piombino e le Marche, luoghi apparentemente distanti, ma luoghi che si scrutano, attentamente, seppur con fare silenzioso; sulle punte dell’Appennino (montagne dalle chiome arrotondate), e Piombino, città che s’illumina di mare e quel Tirreno armonico, che si mostra al cielo con la poetica di onde cristalline

Dagli Appennini al Tirreno

“Dagli Appennini al Tirreno”, una raccolta semi-poetica scritta a quattro mani come in uno spartito musicale ogni nota si nutre del proprio suono; parole semplici e puntuali che tratteggiano con cura i tanti luoghi descritti nell’opera letteraria; un’opera colta, originale, dai lineamenti delicati, e con lo sguardo acceso di chi vive immerso nella “poetica del vivere”, la penna (valida alleata!), s’immerge nella carta, lasciando impresso nel lettore la dimensione del ricordo, la giovinezza, gli odori, i sapori, le tante storie che s’intrecciano e che si aggrovigliano alla perfezione, con spontaneità e naturalezza. 

Il gusto per la parola, lo sguardo acceso sulle cose e sulle storie narrate che prendono forma verso dopo verso: Canzone per Piombino e Canti Marchigiani sembrano due luoghi che si tengono per mano durante un lungo viaggio con a bordo un diario riposto nella stiva, e una mappa perfettamente navigata, che tanto assomiglia a una bussola con una stilografica, tatuata nella reminiscenza.

Due voci per un dialogo serrato e sereno, senza infingimenti. Piombino, città di mare, gabbiani, cielo, orizzonti e acciaio. Ma le domande restano nella mente ondosa di calma inquietudine, come lo specchio sempre uguale e mutevole del mare sempiterno. E risuonano nella dolente elegia piombinese – biancheggiante città in attesa persa – gli echi dei poeti e narratori (anche per immagini da fotogrammi) amati da Gordiano – Cesare Pavese, Pier Paolo Pasolini, Dario Bellezza.

Una generazione intera si riconoscerà in questo fluire, una sorta di piccolo, ma esaustivo, manifesto della coscienza degli anni Sessanta e Settanta, prima dell’avvento degli anonimi multisala, quando la fantasia era corpo e idea, non spenta virtualità.

Casa Editrice: Edizioni Il Foglio

Genere: Poesia

Pagine: 90

Prezzo: 10,00 € 

Contatti:

http://cinetecadicaino.blogspot.it/

http://gordianol.blogspot.it/

www.infol.it/lupi 

Nessun commento

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Il Progresso Magazine Online Logo

 

Associazione culturale “THE PROGRESS 2.0”
Direzione-Redazione-Amministrazione
Via teatro Mercadante, 7
70022 Altamura (Ba)
mail: [email protected]

SEGUICI SU