Nastri d’Argento 2021 | Quest’anno premi alle serie

Nastri d'Argento 2021 | Premiate anche le serie

Quest’anno le serie tv che hanno caratterizzato il 2021 hanno ricevuto i Nastri d’Argento

Al teatro di corte di Palazzo Reale è avvenuta la cerimonia dei Nastri d’Argento. Quest’anno il Sindacato Nazionale dei Giornalisti Cinematografici ha deciso di premiare con i Nastri prestigiosi anche le serie tv. Le vincitrici sono state Il Commissario Ricciardi, Romulus e Petra. Un momento molto importante anche per le serie girate e prodotte a Napoli. Hanno ricevuto, infatti, dei Nastri d’Argento speciali. Tra questi ci sono 250 progetti che si dividono tra serie tv e film.

Da ricordare le fiction I bastardi di Pizzofalcone, L’amica geniale e Gomorra-La serie. Oltre agli attori, infatti, è giusto menzionare tutti i tecnici e tutte le maestranze che hanno lavorato dentro e fuori il set. Si parla del 60% dei lavoratori napoletani. È fondamentale ricordare, soprattutto, Maurizio De Giovanni che ha ricevuto un Nastro Speciale insieme alla Siae per aver scritto numerose serie prodotte esclusivamente in Campania. Degli esempi sono Mina Settembre, Il Commissario Ricciardi e I bastardi di Pizzofalcone.

Tra le produzioni ci sono Italian International Film, Clemart e Rai Fiction. Alcuni degli attori presenti in queste ultime fiction, come Massimiliano Gallo e Tosca D’Aquino, hanno ricevuto dei Nastri d’Argento. Anche delle serie internazionali hanno ricevuto questi premi importanti. Come Zerozerozero, Gomorra-La serie, We Are Who We Are, The New Pope e L’amica geniale. 

I registi e le produzioni più importanti dell’anno hanno ricevuto i premi prestigiosi

La motivazione è che questi titoli hanno portato i racconti italiani all’estero. Questa nuova edizione creata con l’aiuto della Film Commission Regione Campania ha predisposto anche dei premi per i produttori che più sono stati coraggiosi e determinati nel dare degli ottimi prodotti seriali. Queste produzioni sono Sky Italia (ritirato da Nils Hartmann, Senior Director Original Production) e Rai Fiction. E ancora, Palomar (Nicola Serra e Carlo degli Esposti, Lux Vide (Matilde e Luca Bernabei).

E poi, Fandango (Domenico Procacci), The Apartment e Wildside (Lorenzo Mieli e Mario Gianani) e Cattleya (Riccardo Tozzi). Il Sngci ha deciso anche di premiare i registi di maggior talento e creatività. Come Marco D’Amore, Stefano Sollima, Paolo Sorrentino, Luca Guadagnino e Saverio Costanzo. Non sono mancati Nastri d’Argento per altri attori. Per esempio, Silvio Orlando, per The New Pope e The Young Pope e Alessandro Borghi per Suburra-La serie.

Anche gli attori e i progetti diretti ai più giovani hanno vinto i Nastri d’Argento

E ancora, Stefano Accorsi per la trilogia 1992, 1993, 1994 e Salvatore Esposito e Marco D’Amore per Gomorra La-serie. Sono stati assegnati i Nastri d’Argento anche a dei giovani attori, come Margherita Mazzucco, Gaia Girace, Elisa Del Genio e Ludovica Nasti per L’amica geniale. Inoltre, due attori hanno ricevuto i Nastri d’Argento definiti dal pubblico: Lino Guanciale per Il Commissario Ricciardi e Antonio Milo per Petra. I premi non sono finiti. Ludovica Martino, per esempio, ha vinto il Premio Wella per l’immagine.

E poi, la serie per ragazzi Skam Italia, hanno ricevuto i Nastri d’Argento lo sceneggiatore regista Ludovico Bessegato e il produttore Rosario Rinaldo. Inoltre, per la performance più sbalorditiva dell’anno è stato dato il premio a Matilda De Angelis per la serie The Undoing – Le verità non dette con Hugh Grant e Nicole Kidman. Non solo, in collaborazione con la Fondazione Claudio Nobis, la serie Mare fuori (Roberto Sessa produttore) ha ricevuto il Nastro d’Argento per aver dato particolare importanza ai giovani. 

Leggi anche: Festival di Venezia | Il premio è donna

Renata Candioto

Roma

Diplomata in sceneggiatura alla Roma Film Academy (ex Nuct) di Cinecittà a Roma, ama il cinema e il teatro. Le piace definirsi scrittrice, forse perché adora la letteratura e scrive da quando è ragazzina. È curiosa del mondo che le circonda e si lascia guidare dalle sue emozioni. La sua filosofia è "La vita è uguale a una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita".

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Il Progresso Magazine Online Logo

 

Associazione culturale “THE PROGRESS 2.0”
Direzione-Redazione-Amministrazione
Via teatro Mercadante, 7
70022 Altamura (Ba)
mail: [email protected]

SEGUICI SU